Taylor Swift vorrebbe scrivere e dirigere un lungometraggio.

La cantante ha recentemente realizzato il corto 'All Too Well: The Short Film', ispirato all’omonimo brano del suo ampio repertorio di successo. Ora la reginetta del pop punta a una posizione da regista vera e propria. E, parlando del suo cortometraggio al Tribeca Film Festival, ha confidato al regista Mike Mills di avere una forte passione per il cinema e di non vedere l’ora di dirigere un nuovo progetto sulla falsariga di 'All Too Well', con protagonisti Sadie Sink e Dylan O'Brien.

'Sarebbe fantastico scrivere e dirigere qualcosa… un film', ha spiegato la cantante, come riporta Variety. 'Non deve necessariamente essere un grande film. Amo i film molto intimi'.

Lavorare sul set è stata 'un’esperienza appagante' per la 32enne, che ha però ammesso di avere avvertito la 'sindrome dell’impostore', non avendo mai studiato da filmmaker.

'Ho avuto la sindrome dell’impostore nella mia testa che diceva: “Non farlo. Altre persone che hanno seguito una scuola dovrebbero farlo”. L’ho trovato un esercizio molto utile per imparare a fidarsi dei propri istinti. Ci sono sempre molte decisioni da prendere. E il “non lo so” il più delle volte non è un’opzione'.

In passato, Taylor ha diretto alcuni dei suoi video musicali e ha recitato in film come 'Appuntamento con l’amore', 'The Giver', 'Cats' e 'Amsterdam', pellicola in uscita diretta da David O. Russell.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS