Ci sono posti che non possono tradire, posti dove ti senti a casa...anche se sei piu' esigente, magari stanco sicuramente piu vecchio ma comunque restano meravigliosi.

Questo e' il caso di Ferrara un posto secondo me unico dove suonare..

Il gruppo di cui parliamo oggi sono i VerdenA ...per me una grossa fetta di musica italiana ed un altrettanto grande fetta di cuore.

Un concerto all'insegna del nuovo con buona parte di canzoni facente parte dell'album Endkadenz appena uscito.
Il suono generato rispecchia e premia gli sforzi e la ricerca degli ultimi anni nel pollaio(il loro studio di Albino).

La mutazione iniziata in Wow si completa in Endkadenz e anche dal vivo si sente questo cambiamento, l'ingresso di suoni elettrici ed effetti ambientali è molto presente.

Personalmente sono più legato ai pezzi del passato più rudi magari più semplici ma capisco l'evolversi della band.

Dal vivo si sente e si percepisce la forza dei Verdena , la loro storia parla per loro( come per tutti d'altronde) è gente vera, gente che con la musica non scherza, gente che va rispettata.
Il pubblico li ama e si vede!!!
Qualcosa di buono in questo mondo c'e ancora...

Appena prima che iniziasse il concerto fra le vie di Ferrara incontrando un adolescente mi e' venuta in mente una frase di Herbert George Wells che cita così:"Quando vedo un uomo in bicicletta penso che per il genere umano ci sia ancora una speranza"...be' l'ho modificata in "Quando vedo un ragazzo con una maglietta dei Melvins penso che per il genere umano ci sia ancora una speranza"

Victor Villa per Music-News Italy

LATEST REVIEWS