La band Alesana, freschi freschi dal nuovo lavoro discografico ‘Confessions’, sarà in Italia Sabato 29 Agosto al Legend Club di Milano, l’unica data italiana del tour Europeo.

La band ha recentemente celebrato il suo decennale e il suo umore è sempre alle stelle, con una musica carica di emozioni.
Aspettando il live, Music-News Italy ha intervistato il simpatico leader della band Shawn Milke

MN: Dopo 10 anni di carriera, si può dire che avete creato notevole portfolio di lavoro. Che sensazione gli da questo e ciò era immaginabile nel 2004?

A: E' molto gratificante in effetti. Nel lontano 2004, pensavamo esclusivamente passo per passo. Un giorno mi permetterò di riflettere sul passato ma ora siamo troppo concentrati a creare altra musica e suonare per i nostri fans.

MN: ‘Confessions’ chiude la trilogia di ‘Annabel’, un’ incredibile realizzazione, considerando le complessità e profondità di ogni progetto. È raro trovare delle band che si concentrano sul ‘concept album’. Questa è stata una decisione ben precisa e voluta?

A: Assolutamente. È sempre stato il nostro obiettivo; l’idea di un album come forma d’arte si sta via via perdendo e questo sinceramente mi rattrista. Noi, senza presunzione, ci consideriamo artisti e non solo perché siamo cantautori , ma perché creiamo qualcosa che rimane un’esperienza per noi e soprattutto il pubblico. Una canzone come singolo download non ci interessa.

MN: È più difficile o liberatorio esprimersi tra una figura o un concept story?

A: E' proprio la sfida che è la mia ricompensa. Anche da bambino scrivevo storie di fantasia perciò combinare questa passione con la musica è un sogno.

MN:’Confessions’ è stato registrato e rilasciato tramite la tua etichetta Revival Recordings. Senti di avere finalmente il controllo totale?

A: Sicuramente. Anche se le case discografiche del passato sono sempre state presenti e vicine, in questo modo possiamo essere ancora più progressivi e liberi d’esprimerci.

MN: C’è un nuovo album live in serbo?

A: Si. È in post produzione e penso che uscirà a fine anno.

MN: Facciamo qualche domanda per conoscervi un po’ meglio. Chi è il musicista migliore?

A: Jeremy. Un batterista incredibile.

MN: Chi ha più groupies?

A: Sempre Jeremy; chi non ama il batterista!

MN:Chi di voi segue maggiormente i vari twitter, instagram,face book ecc?

A:Direi Shane o Jake

MN:Ci sono altre band o album che vi sono particolarmente piaciuti quest’anno?

A: Ultimamente a dire il vero ho ascoltato tanto due dischi vecchi precisamente ‘Our First American Friends’ dei Tubelord e ‘I am Gemini’ dei Cursive. Mi piace molto comunque il nuovo disco dei Mew, ‘+/-‘. I Mew sono bravissimi.

MN: IL migliore gig in Europa per ora?

A: Il sell out di Helsinki era fantastico.

MN: Il ritorno in Italia vi gusta?

MN: Siamo già stati in Italia un paio di volte ed è sempre stato esilarante.

MN:Ok, per chiudere l’intervista ti chiedo…
MN: Pizza o burger?

A: Mushroom Swiss Burger

MN: Vino o birra?

A: Vino tutto il giorno

MN: Vinili o mp3?

A: Vinili senza dubbio

MN: John Lennon o Paul McCartney?

A: Paul McCartney. È semplicemente un Dio.

MN: Che t-shirt di un’altra band hai indossato durante la crescita?

A: Ne avevo una dei Rage Against The Machine che mi piaceva tanto.

Cheers Shawn.A presto!

Danny gandolfi for Music-News Italy

LATEST REVIEWS