Sharon Stone agisce per vie legali contro la rapper Chanel West Coast, rea di aver ripetuto costantemente il nome della diva di Hollywood in un brano del 2018 intitolato Sharon Stoned.

Come emerso dai documenti giudiziari, ottenuti dal The Hollywood Reporter, l’attrice accusa la rapper di aver sfruttato il suo 'straordinario livello di popolarità e fama' per ottenere un profitto.

Nell’istanza si legge come Chanel, Chelsea Dudley all’anagrafe, abbia 'graziosamente ripetuto il nome “Sharon Stone” 33 volte e “Sharon” 99 volte', nella canzone della discordia.

La Stone ha citato i film che l’hanno resa celebre come 'Basic Instinct' e 'The Disaster Artist', i premi vinti, quelli per cui è stata nominata e il suo contribuito benefico, dichiarando come tutt’oggi 'mantenga uno stretto controllo' sull’utilizzo del suo nome, a difesa della sua reputazione.

La 61enne star cita anche altri artisti, come Drake o Kanye West, di cui si è servita Chanel per i suoi brani.

Sharon si è anche lamentata del fatto che la musicista hip-hop abbia violato i suoi diritti di immagine, imitando l’iconica scena dell’interrogatorio tratta da 'Basic Instinct' e utilizzando il suo nome per promuovere la vendita di oggetti per il consumo di cannabis.

La star di Hollywood vuole impedire a Dudley, nota per aver partecipato al reality show di MTV Fantasy Factory, di continuare a utilizzare il suo nome o la sua immagine.

L’attrice inoltre chiede un risarcimento pari a quanto guadagnato dalla rapper attraverso la canzone e il video.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS