Sinead O’Connor sgancia una bomba sul defunto Prince.

In un’intervista, rilasciata allo show Good Morning Britain, la cantante irlandese ha dichiarato di essere stata aggredita nella casa di Malibu del divo, scomparso nell’aprile del 2016.

Interrogata sul suo rapporto con la star, autore della sua hit più famosa, Nothing Compares 2 U, la O’Connor ha dichiarato: 'Ci siamo incontrati una volta, ma non è andata affatto bene. Abbiamo provato a prenderci a botte e io mi sono difesa'.

'È stata un’esperienza terrorizzante', ha aggiunto.

'Mi ha convocata a casa sua una sera e io ci sono stupidamente andata da sola. Non era a suo agio con il fatto che io non fossi una sua pupilla e che avessi semplicemente registrato la canzone. Voleva che io fossi una sua pupilla e mi ha ordinato di non dire parolacce durante le interviste'.

'Gli ho detto chiaro e tondo dove doveva andare e lui è salito sulle scale e ha preso un cuscino che aveva qualcosa di rigido al suo interno. Sono corsa fuori dalla casa, nascondendomi dietro a un albero', prosegue la star nel suo racconto. 'Ha cominciato a cercarmi in auto. Ci siamo ritrovati sull’highway di Malibu alle cinque del mattino, io gli sputo, lui cerca di darmi un pugno. Ho dovuto andare a suonare al campanello di qualcuno, cosa che mio padre mi aveva sempre detto di fare se mi fossi trovata in una situazione come quella'.

Durante un litigio, oltre a Sinead, a farne le spese fu sopratutto una donna a cui il folletto di Minneapolis avrebbe rotto della costole, spedendola dritta in ospedale.

Gli eredi di Prince non hanno ancora replicato alle affermazioni.

LATEST NEWS