Ci risiamo: Mariah Carey è di nuovo ai ferri corti con la sua ex assistente Lianna Shakhnazaryan, conosciuta anche come Lianna Azarian. E adesso chiede altri 1,8 milioni di euro all’assistente come risarcimento danni morali.

Le due donne si danno battaglia in tribunale a causa di una controversia lavorativa. L’ex assistente di Mariah l’ha citata in tribunale per aver interrotto anzitempo il contratto di lavoro e non aver rispettato i termini contrattuali.

Di contro Mariah accusa l’ex collaboratrice di aver divulgato alcune informazioni strettamente confidenziali, che in alcun modo dovevano trapelare, come si evince dalla clausola del contratto di lavoro sottoscritta dalla Azarian.

In questo particolare caso la Carey fa riferimento a tre specifici documenti che sono trapelati attraverso la stampa, dei quali solo la Azarian era a conoscenza, come riporta The Blast.

'La natura delle informazioni confidenziali diffuse non lasciano dubbi sul fatto che ci sia la Azarian dietro la fuga di notizie', ha precisato l’avvocato della Carey.

'Mariah non permetterà alla Azarian di danneggiarla, né a chiunque altro. Con questa azione legale quindi vuole rafforzare i suoi diritti sull’accordo confidenziale chiedendo i danni compensatori e puntitivi per il danno causatole dalla Azarian'.

Tuttavia l’ex collaboratrice della Carey ha smentito categoricamente di aver divulgato informazioni riservate.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS