Continua la faida tra Katy Perry e le suore del Ordine americano del Santissimo e Immacolato Cuore della Beata Vergine Maria.

L’oggetto del contendere è sempre il convento di Los Feliz, California, che la popstar ha acquistato dall’Arcidiocesi di Los Angeles nel 2015, contro la volontà delle religiose che vivevano al suo interno. Una di loro, Suor Catherine, morì in tribunale e l’ultima superstite, Suor Rita Callanan è convinta che la colpa sia tutta della 34enne star.

'Non mi piace affatto Katy Perry e sono certa di non piacerle. Lei ha le mani sporche di sangue. A causa sua è morta la sorella Catherine. Le sue ultime parole prima si morire sono state "Katy fermati ti prego”', ha dichiarato la sorella in una notizia riportata da Il Fatto Quotidiano.

Le suore avevano provato a vendere il convento alla ristoratrice Dana Hollister, pronta a trasformare la struttura in un hotel di lusso.

Un giudice però ha stabilito che il legittimo proprietario è proprio la Perry e che le suore non hanno mai avuto l'autorizzazione per vendere il convento.

La corte ha per questo obbligato la Hollister a pagare circa 15 milioni di euro all’Arcivescovo di Los Angeles e a Katy per appropriazione indebita di proprietà.

La Perry si trasferirà nel convento quando l’ultima suora presente nella struttura, Suor Rita Callanan, troverà un’abitazione consona. A quel punto i funzionari del Vaticano firmeranno i documenti di proprietà, passando definitivamente l’immobile alla star.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS