Vasco Rossi schiavo della droga? Tutto falso. È dai primi anni Ottanta, ovvero dagli esordi come rocker, che il Blasco combatte i pregiudizi. All’epoca decise di abbandonare la tranquilla vita da dipendente di banca per tentare il successo nel mondo della musica. Sono molti i detrattori che lo dipingono come habitué delle droghe ma, nonostante tutto, è arrivato a 67 anni intascando enormi successi come il concerto Modena Park, con un record di con 225mila 173 biglietti emessi.

'Un evento irripetibile, infatti non cercherò più di ripeterlo', racconta Vasco Rossi a Il Corriere della Sera.

'C’erano tensioni riguardo la sicurezza, ma il mio popolo ha dimostrato una maturità incredibile e l’amore ha vinto sulla paura. Mentre sorvolavo l’area del concerto in elicottero, poche ore prima, mi mancava il fiato per tutta quella gente'.

Tuttavia, carriera da rockstar e pubblico osannante non riescono a cancellare i primi pregiudizi sul successo del Blasco: 'Mi dicevano che ero un drogato. Non lo sono mai stato'.

'Se esistesse la pillola contro i sensi di colpa la prenderei subito, ma alla fine rifarei tutto: stessi errori, stesse passioni, stesse delusioni'.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS