Paris Jackson ha replicato ai report che la danno in ospedale per tentato suicidio.

Secondo il sito TMZ, che cita fonti della famiglia e di polizia, la figlia del defunto Michael Jackson è stata ricoverata in seguito ad una chiamata fatta al numero di assistenza psichiatrica. Il report suggerisce come il crollo della 20enne sia giunto in seguito all’uscita del documentario 'Leaving Neverland', in cui Wade Robson e James Safechuck accusano il defunto Jackson di averli molestati quando erano bambini.

Gli insider del sito aggiungono che Paris è in condizioni stabili in un ospedale di Los Angeles, anche se l'interessata ha negato su Twitter con un piccato messaggio diretto ai media: 'Fu*k you you fuc*ing liars'.

Il 13 marzo la modella aveva reso onore via social al cugino Taj Jackson, ringraziandolo per aver difeso il padre dalle illazioni contenute nel documentario di Dan Reed.

'Non c'è nulla che io possa dire - ha scritto Paris - che non sia già stato detto in merito da mio cugino'.

La ventenne ha inoltre contestato i titoli dei giornali che suggerivano un suo comportamento 'fuori controllo', replicando di non avere la stessa pazienza del padre.

'Ho la stessa bussola morale di mio padre, ma non il livello di pazienza', ha scritto la Jackson.

'Non sto pigramente seduta quando vedo accadere le ingiustizie, specialmente se sono dirette a me o alla mia famiglia'.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS