Sting è stato criticato dai fan per essersi rifiutato di cancellare il suo concerto a New York il 14 marzo, nonostante le restrizioni alla circolazione dei mezzi imposte dall’uragano invernale Stella.

Nelle prime ore della giornata di martedì scorso la East Coast è infatti stata battuta da potenti raffiche di vento e neve, tanto da far dichiarare alle autorità comunali lo stato di emergenza, imponendo la chiusura delle scuole e dando la possibilità di spostarsi solo se strettamente necessario.

Anche buona parte della metropolitana newyorkese e degli altri trasporti pubblici sono stati messi sotto scacco dalla tempesta, ma i rappresentanti della Hammerstein Ballroom hanno comunque confermato lo show del cantante britannico, previsto in serata.

'Fan di Sting, da parte dell’artista e dei promotori, il concerto di Sting si terrà come da programma questa sera alle 8 di sera, con porte aperte alle 7. Chiediamo scusa per qualsiasi inconveniente. State al sicuro e al caldo!', hanno fatto sapere con un post su Facebook che è stato accolto con notevole ostilità dal pubblico dell’Englishman. Un utente ha scritto: 'Incredibile. Immagino che il denaro sia più importante della sicurezza dei vostri clienti/fan…', mentre un altro ha chiesto a Sting di riconsiderare l’organizzazione: 'Suggerisco caldamente che parliate con l’artista e rinviate questo concerto. La tempesta ha bloccato treni e metropolitane. Di certo se ci sarà lo show e non potrò essere lì fisicamente, sarà l’ultimo ollare che avrò speso per la vostra location'.

LATEST NEWS